Trasporto scolastico

Comunicato  integrale  tratto  dal  sito  SVT 

VARIAZIONE DEL PROGRAMMA DELLE CORSE


In conseguenza della fine dello stato di emergenza, dal 1 aprile verrà meno il limite dell’80% della capienza degli autobus, che torneranno dunque a poter caricare il 100% dei passeggeri previsti. Di conseguenza, non saranno più attive tutte le corse aggiuntive previste ad integrazione del servizio, non essendo più disponibili i rimborsi statali a copertura del servizio.

Al fine ridurre i possibili disagi per gli utenti, d’intesa con gli Azionisti e con la Prefettura, SVT ha deciso di garantire comunque tutte le corse integrative per il servizio scolastico anche per le giornate di venerdì 1 aprile e sabato 2 aprile.

Da lunedì 4 aprile, invece, rispetto alle 130 corse integrative svolte fino a oggi, 21 saranno comunque mantenute, individuate in base all’analisi dei carichi delle corse attuali con destinazione e partenza dalle località che accolgono plessi scolastici particolarmente frequentati (Vicenza Baden Powell - Schio centro studi - Valdagno centro studi - Bassano centro studi), anche in considerazione degli orari di ingresso e uscita adottati dalle scuole.

Per la settimana prossima, si invitano dunque tutti gli utenti a verificare con attenzione sul sito di SVT, fin dal pomeriggio di oggi, gli orari aggiornati delle corse, con l’indicazione di quali saranno eliminate a partire da lunedì 4 aprile e quali invece saranno mantenute.

L’elenco aggiornato è disponibile cliccando sul link “Potenziamento Corse Servizio Scolastico”, disponibile nella sezione “Orari e Percorsi”, nelle sottosezioni “Extraurbano” e “Urbano e Sub-urbano” a seconda della linea di interesse.

Per extraurbano: extraurbano

Per urbano/suburbano Vicenza: urbano-suburbano-vicenza

Per urbano Bassano: urbano-bassano

Per urbano Valdagno: urbano-valdagno

SVT ricorda che dal 1 aprile cambiano anche le regole per viaggiare a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale, per i quali non sarà più previsto l’obbligo del Green Pass (“base” o “rafforzato”). Rimarrà invece in vigore, almeno fino al 30 aprile, l’obbligo di utilizzare la mascherina FFP2.